Viale Vittorio Emanuele II, n.45 53100 Siena
348 2490752 / 0577 045846
info@agenziaidea.net

Come vendere un immobile ricevuto in donazione?

Come vendere un immobile ricevuto in donazione?

vendere casa proveniente da donazione

La donazione è il contratto con il quale un soggetto (donante) arricchisce un altro (donatario), disponendo a suo favore un suo diritto o assumendo verso di lui un’obbligazione.

Possono essere oggetto di donazione tutti i beni e i diritti in grado di arricchire il patrimonio del donatario, come ad esempio immobili, crediti, aziende, denaro, veicoli o opere d’arte.

Cosa succede se decidi di vendere una casa ricevuta in donazione? Ecco quali difficoltà puoi incontrare e come risolverle.

Se vuoi mettere in vendita una casa che ti è stata donata, è importante che tu sappia che il modo in cui sei entrato in possesso dell’immobile può provocare qualche inconveniente e generare problemi nel trovare un acquirente interessato.

La difficoltà principale che scoraggia gli acquirenti è sicuramente la possibilità che, anche a distanza di anni, qualcuno possa contestare l’atto di donazione e chiedere la restituzione del bene o il suo valore, dal momento che la donazione può essere oggetto di un’impugnazione da parte degli eredi leggittimi.

Cosa significa? Alla morte di una persona, la legge italiana tutela gli eredi legittimari (i figli legittimi e naturali, il coniuge e gli ascendenti legittimi) garantendo loro una parte dell’eredità indipendentemente da quanto stabilito nel testamento.

Nel calcolo della quota spettante ad ognuno degli eredi, la legge considera anche tutte le donazioni fatte in vita dal defunto, quindi per chi ha ottenuto una casa in donazione, potrebbe esserci il rischio di aver leso i diritti degli eredi con conseguente possibile revoca o riduzione della stessa donazione.

Secondo quanto dispone l’art. 563 c.c. , se i donatari contro i quali è stata accolta la domanda di riduzione hanno alienato a terzi gli immobili loro donati, gli eredi legittimari potrebbero ottenere il rimborso della propria quota o (nel caso più grave) la restituzione dello stesso immobile dai successivi acquirenti.

Proprio perché c’è la possibilità che in futuro venga chiesta a buon diritto la restituzione della casa, le banche concedono molto difficilmente mutui o finanziamenti per l’acquisto di immobili provenienti da donazione, altro motivo che spinge gli acquirenti ad escludere questo tipo di abitazioni.

In quali casi la donazione non rappresenta un problema?

Ci sono due circostanze nelle quali puoi vendere senza paura e garantendo un acquisto sicuro al tuo compratore:

  1. Se il donatore dell’immobile è deceduto da più di dieci anni senza che ci siano state opposizioni alla donazione da parte dei legittimari.
  2. Se la donazione è stata eseguita da più di vent’anni e in questo arco di tempo non ci sono state opposizioni da parte dei legittimari.

Quindi, in quanto venditore dell’immobile, dovrà essere tua cura risalire indietro nel tempo a controllare quanti anni sono trascorsi dalla donazione, investigare sulla possibile presenza di eredi sconosciuti (ad esempio dei figli non riconosciuti) e accertarti che il capitale sia tale da soddisfare le possibili richieste di eredità, evitando che i legittimari si rifacciano sull’immobile.

In casi estremi, puoi evitare potenziali rischi con uno di questi metodi:

  1. annullare l’atto di donazione, facendo così tornare la proprietà al soggetto principale, che procederà poi in un regolare atto di compravendita nei confronti del nuovo acquirente. Ovviamente, questa soluzione è applicabile solo se il donante è ancora vivo;
  2. far sottoscrivere l’atto di vendita di un immobile proveniente da donazione anche a tutti gli altri figli del donante, al coniuge ed ai genitori del donante i quali rinunciano espressamente ad ogni pretesa e revisione delle donazioni avute dal donante stesso (tale metodo però non garantisce nei confronti di figli illegittimi che potrebbero comparire nell’arco anche dei successivi dieci anni dalla morte del donante);
  3. stipulare una polizza di assicurazione che copra eventuali rischi di impugnazione della donazione.

Alla luce di tutto questo, è evidente che per procedere con una compravendita tranquilla, corretta e trasparente sarà indispensabile l’aiuto di un professionista che esegua le opportune verifiche prima ancora di mettere la casa in vendita e che assicuri al potenziale acquirente la serenità del suo acquisto.

Vuoi vendere la tua casa proveniente da donazione e ti serve il parere di un esperto? Contatta l’Agenzia Immobiliare Idea e vieni a parlarci del tuo progetto illustrandoci la tua situazione specifica. Daremo risposta ad ogni tuo dubbio!

Ti aspettiamo!

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *